Seguimi 2020 Gennaio-Aprile

Leggi

 

Contributi Comunità
Ascoltando il Signore
Scritto da Caterina Unali   
Mercoledì 07 Agosto 2013 08:52

 

A volte siamo talmente devoti a Dio da pensare che tutto ciò che ci suggerisce il nostro cuore sia dettato dal Signore; pensiamo che sia lo Spirito Santo a suggerirci sempre e, senza rendercene conto, commettiamo degli errori di valutazione. Attribuiamo al Signore quelli che sono i nostri pensieri.

Altre volte rimaniamo delusi perché non abbiamo risposte immediate alle nostre preghiere e ai nostri bisogni. Si non sempre queste vengono esaudite nel modo in cui ci aspettiamo, perché chiediamo male per spendere nei nostri piaceri. Tutto ciò accade perché la volontà di Dio non è la nostra volontà; i suoi pensieri non sono i nostri pensieri; sono ben più alti dei nostri.

Alcune persone, che ovviamente non conoscono il Suo amore, danno la colpa a Dio per le cose negative che succedono nel mondo. Attribuiscono questi eventi al fatto che Egli non è presente, ma il Signore usa anche le avversità della vita per avvicinarci a lui; quando cadiamo e siamo abbattuti ci rivolgiamo a Lui.

Spesso siamo egoisti, indifferenti ai bisogni altrui, presi dai nostri problemi e dalle sole nostre esigenze. Se paragonassimo il suo grande amore nei nostri confronti a quello che noi facciamo, ogni giorno, per i nostri fratelli e per tutte le persone che ci circondano, possiamo renderci conto di quanto siamo piccoli e immeritevoli. Però nonostante i nostri limiti Egli, il signore Gesù, ci ha amato, ci ama, e anche quando non lo pensiamo minimamente e falliamo pensando di poter fare da soli, Egli è lì accanto a noi pronto a proteggerci in attesa che ci affidiamo a Lui e al suo amore.

 
Il Sacro Libro Stampa
Scritto da Caterina Unali   
Sabato 19 Maggio 2012 10:50

 

Molte ricerche hanno confermato che la Bibbia è il libro più richiesto al mondo. Recentemente la Online Computer Library Center ha stilato la lista dei libri presi in prestito più di frequente nelle biblioteche dai lettori di tutto il mondo , e la Bibbia è al primo posto!

Forse, nel corso dei Secoli dalle sue origini ai giorni nostri, questo corrisponde a realtà ma molti cristiani pensano che non  sia abbastanza letto. Tutti i popoli del mondo, l’uomo moderno, i nostri giovani dovrebbero leggere il Sacro libro perché attraverso le sue pagine Dio ci parla.

I libri che la compongono sono stati attraverso i secoli sino ai giorni nostri il fondamento della fede di miriadi di Cristiani e Giudei, ed hanno ispirato da sempre la costituzione di migliaia di Chiese in tutto il mondo.

40 scrittori diversi scrissero i libri della Bibbia, in un periodo di circa 1600 anni, e la cosa meravigliosa è che questi scrittori, a partire dalla Genesi sino all’Apocalisse raccontano un’unica storia, che va via via sviluppandosi e che spesso trova riscontro nei racconti l’uno dell’altro, anche  se questi sono stati scritti a distanza di diversi secoli. Come sarebbe possibile ciò se realmente il Signore non li avesse guidati con lo Spirito Santo di Cristo? Difatti nella stessa Bibbia leggiamo che il Signore Dio nostro ha ispirato coloro che l’hanno scritta. In 2Timoteo 3:16 sta scritto “Ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia.”

 
La chiesa di Cristo Stampa
Scritto da Francesco Bernardi   
Mercoledì 21 Marzo 2012 18:36

 

Vorrei spendere solo due parole su un tema tanto controverso e discusso sia in ambito cristiano, che laico. Un tema molto complesso ed ampio, su cui sarebbe necessario, volendolo approfondire, impiegare tutto uno studio che comprenda almeno una serie di circa 7 – 8 sermoni dedicati, forse di più, ma mi limiterò ad una brevissima riflessione, con lo scopo di stuzzicare curiosità e magari anche domande, piuttosto che dare risposte.

 

Vorrei riflettere con voi sulla chiesa. Il tema della chiesa lo si può sviscerare sotto vari aspetti: quello dottrinale, quello sociologico, quello teologico, quello storico, quello escatologico, ecc. Ma vorrei limitarmi a chiedervi: cosa rappresenta per voi la chiesa? Cos’è per voi la chiesa? A cosa serve la chiesa? Perché la chiesa?

 

 
Crescere in Cristo Stampa
Scritto da Michael Morrison, proposto da Vladimiro Meandri   
Giovedì 06 Gennaio 2011 15:02

 

Che cosa fai, dopo che sei diventato cristiano?
La Bibbia insegna che i cristiani devono fare cose che li aiutino ad essere più vicini a Cristo.
Queste cose possiamo chiamarle discipline spirituali, abitudini che aiutano a diventare più maturi.
Vediamo cinque di questi strumenti per la crescita spirituale:

1 - Preghiera
Insegnaci a pregare”, chiesero gli apostoli a Gesù ed Egli rispose insegnando loro una preghiera semplice (Luca 11:1-4).
La preghiera non necessita di parole speciali o frasi fantasiose, tutto ciò che dobbiamo fare è parlare con Dio. Nella preghiera gli diciamo quello che pensiamo, quello che temiamo, quello che vogliamo, e possiamo essere certi che Dio ci ascolta.
Gesù ha assicurato a tutti i Suoi discepoli che Dio ascolta e risponde alle loro preghiere (vs 5-13). Chiedete e vi sarà dato! 
Giacomo ha scritto che non otteniamo quello che desideriamo “perché non lo chiediamo a Dio” (Giacomo 4:2), quindi, chiediamogli tutto ciò di cui abbiamo bisogno.
Come Creatore, Dio ha tutto il potere sull’universo. Come Padre, è pieno di amore.
Possiamo essere certi che Egli è in grado ed è disposto a rispondere alle nostre preghiere.
Nella Sua saggezza, Dio non concede tutto ciò che si chiede, questo succede quando: “.. domandate e non ricevete, perché domandate male per spendere nei vostri piaceri” (Giacomo 4:3).

 
Le sofferenze del mondo Stampa
Scritto da Caterina Unali   
Martedì 11 Gennaio 2011 21:11

 

Il mondo è da sempre pieno di ingiustizie, di tanta sofferenza, povertà, malattia, egoismo, sfiducia, rivalità e odio, e purtroppo tutti, anche le persone più buone, prima o poi ne subiscono le conseguenze, nessuno ne è esente. E Allora, spesso ci troviamo a dover fare i conti con malattie psicosomatiche, più o meno gravi, quali la depressione, l’ansia, diventiamo diffidenti e soffriamo di solitudine.

 

Spesso ci chiediamo: ma perché Il Signore lascia che queste cose accadano?

 

  • forse perché vuole punirci per i nostri peccati?
  • o forse perché vuole raggiungere il cuore di quanti hanno un gran bisogno di Lui e non lo sanno, o per renderci umili e farci capire quanto inutile sia la nostra vita senza l’amore e la guida di Dio?

 

Come ad esempio quando perdiamo una persona cara per un incidente stradale o per malattia. Non lo accettiamo e ancor meno quando i nostri cari ci lasciano improvvisamente, ci chiediamo perché è successo? sopratutto quando hanno vissuto facendo del bene e seguendo la sua parola.

 

 
Amore e rispetto per la creazione di Dio Stampa
Scritto da Caterina Unali   
Venerdì 19 Novembre 2010 13:11

Noi fratelli condividiamo la stessa passione per Cristo Gesù, Unica Nostra Salvezza. Egli ci ha chiamati: ”(Apocalisse 3:20) “Ecco, io sto alla porta e busso;  se qualcuno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui, e cenerò con lui e lui con me”.

Egli ci forgia, ci guida, ci corregge, ci tiene uniti, per renderci forti e per poter vincere le nostre debolezze Uniti da un unico Spirito.

Pensate a quanto siamo benedetti, noi che siamo stati scelti da Cristo per essere suoi figli dandoci la possibilità di credere pienamente in Lui.

Egli disse: ”(Matteo 7:13,14) “Entrate per la porta stretta perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono coloro che entrano per essa. Quanto stretta è invece la porta e angusta la via che conduce alla vita! E pochi sono coloro che la trovano!”.

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2

 

 

Chiesa Cristiana della Grazia
(già Chiesa di Dio Universale)
Casella Postale 67
Brembate di Sopra (BG)
24030

 
tube8

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.