Seguimi 2020 Gennaio-Aprile

Leggi

 

Una breve storia della Chiesa Cristiana della Grazia già Chiesa di Dio Universale - Pagina 2 PDF
Indice
Una breve storia della Chiesa Cristiana della Grazia già Chiesa di Dio Universale
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4
Pagina 5
Tutte le pagine

Trasferimento a Pasadena, in California

Nel 1947 Herbert Armstrong trasferì il suo ministero nella California meridionale, per avere migliori opportunità nell’industria radiofonica. Fondò poi a Pasadena una piccola scuola, chiamata Ambassador College, dove poter formare i futuri leaders della chiesa. Pur persistendo le ristrettezze finanziarie, il ministero continuò a crescere e sempre più spazi radiofonici venivano acquistati su varie stazioni radio.

 

Poiché il messaggio veniva proclamato attraverso la radio in tutto il Nord America, coloro che lo accettarono erano sparsi un po’ ovunque negli Stati Uniti e nel Canada. Fu così che Armstrong iniziò a mandare i giovani laureati dell’Ambassador College nelle varie città per riunire i credenti locali in piccole congregazioni.

 

La chiesa crebbe rapidamente negli anni ’50 e ’60, tanto che il programma radiofonico si diffuse anche in Inghilterra, Australia, Filippine, America Latina ed Africa; uffici della chiesa vennero aperti in varie nazioni del mondo. Il nome della chiesa fu allora cambiato da “Chiesa di Dio radiofonica” in “Chiesa di Dio Universale”.

 

Ma la crescita iniziò a rallentare negli anni settanta. Cristo non tornò sulla terra nel 1975, come molti ministri avevano predetto. Alcune dottrine minori vennero cambiate e ciò indebolì il rispetto che molti membri avevano nei confronti dell’autorità dottrinale del signor Armstrong. Suo figlio, inoltre, considerato da molti come suo legittimo erede, fu accusato di mala condotta e alla fine lasciò la chiesa assieme a qualche migliaio di membri per formare la Chiesa di Dio Internazionale.

 

Nonostante ciò molte persone continuarono ad essere attratte dallo stile e dagli insegnamenti di Herbert Armstrong e la chiesa continuò, seppur lentamente, a crescere fino alla sua morte nel 1986, all’età di 93 anni. Armstrong lasciò dietro di sé una denominazione cristiana che poteva vantare circa 120.000 partecipanti alle funzioni religiose settimanali, mentre le entrate finanziarie annuali erano di circa 200 milioni di dollari. La rivista La Pura Verità veniva distribuita ogni mese a milioni di persone in tutto il mondo e il programma televisivo era diventato uno dei primi due programmi religiosi negli Stati Uniti.

Dottrine contrarie all’ortodossia cristiana

Se da un lato la Chiesa di Dio Universale criticava il cristianesimo tradizionale, dall’altro attraeva su di sé le critiche di molti, tanto che molti consideravano Herbert Armstrong come il capo di una setta eretica. Oggi i responsabili della chiesa rinnegano gli errori dottrinali di Armstrong, ma non vogliono nascondere il loro passato. Al contrario, come chiesa riconosciamo che i nostri errori erano profondi e molto seri, ma anche che adesso Cristo ci ha come liberato dagli sbagli del passato.

 

In un certo senso siamo stati come Paolo di Tarso, che con grande zelo perseguitava i cristiani. Poi dovette confrontarsi direttamente con Cristo, cambiò radicalmente e gli fu data una nuova missione. Anche se iniziò a predicare Gesù immediatamente, fu soltanto più di dieci anni dopo, quando Paolo divenne l’apostolo missionario, che iniziò la sua opera di evangelizzazione più significativa.

 

Anche noi speriamo di essere usati da Cristo per proclamare il suo vangelo in tutto il mondo; ma torniamo adesso ad analizzare la storia della chiesa. Per capire infatti cosa era la Chiesa di Dio Universale, è importante vedere come tutto è iniziato. Focalizziamo quindi la nostra attenzione su quell’insieme di dottrine che resero Armstrong così interessante, anche se non ortodosso, negli insegnamenti.

 

Il cardine della conversione di Armstrong fu rappresentato essenzialmente da tre dottrine: 1) Dio è il Creatore; 2) La Bibbia è vera; 3) Nella Bibbia non ci sono indicazioni che il riposo del Sabato sia stato spostato alla domenica. Fu un membro della Chiesa di Dio del Settimo Giorno (una piccola chiesa sabbataria che aveva analogie con gli Avventisti del Settimo Giorno) a guidare Armstrong all’accettazione di questa terza dottrina.

 

Armstrong era bramoso di obbedire a Dio e ritenne che le Scritture fossero chiare nell’indicare che Dio ha comandato al Suo popolo di osservare un solenne riposo il settimo giorno: Sabato. Anche se la maggior parte dei cristiani non osserva il settimo giorno, nessuno fu in grado di provare ad Armstrong che Dio avesse mai autorizzato il Suo popolo di cambiare o ignorare tale comandamento. Armstrong riteneva di dover scegliere tra la Bibbia e la tradizione degli uomini: scelse la Bibbia. Ma lui non aveva fatto studi in seminario, né alcun tipo di studio approfondito sulla storia della chiesa o sull’interpretazione biblica e le lingue originali dei testi sacri.

 

Il suo ragionamento era che, se le chiese cristiane tradizionali sbagliavano su un punto tanto importante, forse potevano essere in errore anche su altri punti dottrinali. Divenne quindi scettico di tutte le tradizioni cristiane e volle ristudiare ogni cosa partendo da zero. In questo modo non riuscì a trovare alcuna prova biblica di molte delle dottrine cristiane tradizionali. Questo pregiudizio verso l’ortodossia tradizionale divenne parte integrante della cultura religiosa della Chiesa di Dio Universale ed era come un’esca pubblicitaria che catturò l’interesse di molti.



 

 

 

Chiesa Cristiana della Grazia
(già Chiesa di Dio Universale)
Casella Postale 67
Brembate di Sopra (BG)
24030

 
tube8

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.